LESIONI DELLA SPALLA

Definizione

La spalla può essere soggetta a lesioni di vario tipo. 
 
Una delle più comuni è la distorsione, ossia una lesione ai legamenti, che vengono mandati in trazione e allungati in modo innaturale e oltre i loro limiti. 
 
Questa parte può andare incontro anche a lussazione: si tratta di un temporaneo spostamento di un osso della spalla dalla sua sede naturale. 
 
In alcuni casi può verificarsi una vera e propria frattura delle ossa della zona. Frequenti sono anche le lesioni legate alla degenerazione e all’usura di legamenti, muscoli e ossa.

Cause

Nella maggior parte dei casi, le lesioni alla spalla sono di tipo traumatico, derivano cioè da incidenti di vario tipo, come cadute, colpi presi durante la pratica di un’attività sportiva o contatti violenti accidentali. 
 
Talvolta, questi problemi sono legati anche all’invecchiamento e all’usura di ossa, muscoli e legamenti. 
 
Le distorsioni possono derivare, infine, da un movimento brusco e anomalo dell’articolazione.

Sintomi

I sintomi variano in relazione al problema specifico. 
 
In caso di distorsione, in genere, compaiono gonfiore e dolore alla spalla, che impediscono alla persona di muovere correttamente e completamente la parte. 
 
Si possono verificare anche lacerazioni con versamento di sangue: in questo caso il gonfiore è maggiore. 
 
La lussazione si manifesta con dolore intenso e fastidioso e impossibilità di muovere l’articolazione. 
In caso di frattura, il dolore è lancinante. Anche le lesioni da degenerazione provocano dolore, infiammazione e limitazione nei movimenti.

Diagnosi

Se si avverte un dolore improvviso e duraturo alla spalla è sempre bene recarsi dal medico per un controllo. 
 
Non necessariamente il problema è legato a una lesione: in molti casi si tratta di altro (infiammazione, artrite, artrosi, usura senza lesioni delle strutture della zona). 
Per capire se si è in presenza di una vera e propria lesione o di altro, il medico di norma consiglia una visita ortopedica. 
 
Lo specialista, dopo aver osservato la parte e interrogato la persona circa i sintomi avvertirti, può richiedere esami come una radiografia, una risonanza magnetica (RM) oppure una TC.

Cure

Non è possibile generalizzare: le cure dipendono dal problema di base. Per questo vanno sempre stabilite dal medico, dopo un’attenta valutazione della situazione.
 
In alcuni casi, lo specialista prescrive l’uso della borsa del ghiaccio, che aiuta a ridurre il dolore e l’infiammazione, e un periodo di riposo, durante il quale il paziente deve usare l’articolazione il meno possibile.
 
Se lo reputa necessario, il medico può prescrivere cure farmacologiche in grado di combattere i sintomi dolorosi e l’infiammazione.
 
Talvolta, può essere necessario immobilizzare la parte con una fasciatura, un bendaggio semirigido, un tutore o un gesso.
 
Nei casi più seri, lo specialista potrebbe decidere di intervenire chirurgicamente.