Farmaci nel bambino

farmaci_bambinoDi fronte ad un bimbo che sta male per i genitori non è facile districarsi tra l'ansia, le diagnosi "a distanza" fatte dal pediatra al telefono e la disponibilità di prodotti farmaceutici. 
Per usare i farmaci nel modo più giusto, aiutando il bambino a guarire ed evitando altre complicazioni, è bene conoscere alcune nozioni scientifiche di base e tenere a mente alcuni comportamenti semplici e facilmente adottabili.


Ecco alcuni semplici consigli:
 
1. Controllare il principio attivo
Prima di somministrare il farmaco leggere attentamente il foglietto illustrativo. Per prima cosa controllare quale è il principio attivo contenuto nel farmaco (è riportato all'inizio del foglietto). Lo stesso principio attivo può essere presente in farmaci con nomi diversi e usati per malattie differenti. Se il bambino sta già assumendo medicinali, è importante essere sicuri di non somministrare più volte lo stesso principio attivo.
 
2. Seguire le indicazioni del foglietto illustrativo

Le indicazioni scritte sul foglietto illustrativo devono essere seguite attentamente, in particolare per quanto riguarda l'età in cui il farmaco può essere utilizzato; la dose del farmaco da somministrare; il numero di volte al giorno e la durata della terapia; i possibili effetti indesiderati a cui bisogna fare attenzione; le controindicazioni.
 
3. Controllare la posologia

Se sul foglietto non è indicata nella sezione "posologia" la dose per i bambini significa che quel farmaco non è adatto a loro. Se si hanno dubbi sulla possibilità di dare quel farmaco al bambino o se si ha paura che possa fargli male, è bene chiedere consiglio al pediatra o al farmacista.
 
4. Calcolare la dose in base al peso
Ricordarsi che per la maggior parte dei farmaci la dose deve essere calcolata in base al peso del bambino. I farmaci in forma liquida (sciroppi, soluzioni…) possono contenere la stessa sostanza in diverse concentrazioni.
 
5. Leggere il foglietto delle nuove confezioni e rispettare le dosi

Quando si acquista una nuova confezione, è importante fare attenzione: anche se ha lo stesso nome di un farmaco già usato o se contiene lo stesso principio attivo, leggere sempre il foglietto e rispettare la dose indicata.
 
6. Calcolare la dose con i misurini contenuti nella confezione
Per calcolare la dose va usato il cucchiaio, il bicchierino o la siringa che sono contenuti nella confezione del medicinale. Se non ci sono, è meglio chiedere al pediatra o al farmacista in che modo vada misurata la dose.
 
7. Rispettare le dosi prescritte

Non va diminuita la dose del farmaco per paura di effetti indesiderati, perché potrebbe non essere sufficiente per dare beneficio, ma neanche aumentata perché può sembrare che il bambino stia molto male: potrebbe essere eccessiva e causare effetti collaterali. Bisogna chiamare il  pediatra se il bambino dopo l'assunzione del farmaco dovesse avere mal di pancia, vomito, diarrea, macchie sulla pelle o se è particolarmente irrequieto o, al contrario, se ha molto sonno.
 
8. Fare attenzione alle possibili interazioni
Se il bambino è già in terapia con altri farmaci è necessaria maggiore prudenza prima di somministrare una nuova medicina. Controllare sul foglietto illustrativo se ci sono interazioni tra il nuovo farmaco e gli altri medicinali. In caso di dubbi consultare il pediatra.
 
9. Tenere un diario dei farmaci somministrati

E’ utile tenere un diario dei farmaci che il bambino sta assumendo. Vanno comunicati sempre al pediatra tutti i farmaci (anche quelli da banco e i medicinali a base di erbe) che si stanno somministrando al bambino o che gli sono stati somministrati dall'ultima visita.
 
10. Conservare i medicinali in luogo sicuro

Ricordarsi di conservare i medicinali con la loro confezione e il foglietto illustrativo, in un luogo sicuro non raggiungibile dai bambini.