Tipizzazione linfocitaria

Descrizione analisi
Tipizzazione linfocitaria

Tipo di campione
Sangue %

Valore di riferimento uomo
CD3: 59- 85 %; CD4 29- 61 %; CD8 11- 38 %

Valore di riferimento donna
CD3: 59- 85 %; CD4 29- 61 %; CD8 11- 38 %

Descrizione analisi
Rappresenta un indispensabile parametro nella diagnosi di malattie ematologiche e del sistema immune. E´ applicabile a cellule in sospensione (sangue periferico, midollo osseo, tessuti in sospensione) ed a preparati stabili su vetrino (sezioni di tessuto, strisci citocentrifugati) con i metodi: immunofluorescenza diretta ed indiretta, immunoenzimatici, anticorpi monoclonali. 
 
APPLICAZIONI: - nelle malattie linfoproliferative permette di caratterizzare il tipo di neoplasia e di definire la prognosi. - nelle immunodeficienze primitive permette di dimostrare la riduzione o l´ assenza di determinate popolazioni di linfociti circolanti. - nelle immunodeficienze secondarie mediante il rapporto CD4/CD8, per valutare variazioni dovute a vecchiaia, infezioni virali, neoplasie, sarcoidosi. - nelle malattie autoimmuni, nelle neoplasie e nelle malattie infettive (virali acute, protratte, croniche), nel periodo post-trapianto d´ organo, per valutare il grado di attivazione delle cellule immunocompetenti. 
 
LIMITI DELL´ INDAGINE I risultati sono influenzati da variabili relative al soggetto testato (età, ritmo cardiaco, stress, fumo, sforzo fisico, terapie farmacologiche) ed alla metodica usata, ora del prelievo. Rapporto CD4/CD8 (helper/suppressor): 1,3-1,5 (valori normali).

Informazioni per il paziente
Un aumento dei valori normali si osserva in caso di infezioni, allergie e malattie autoimmuni.