Anticorpi-anti-Toxoplasma-Gondii-Toxo-test-IgM-e-IgG

Descrizione analisi
Anticorpi anti -Toxoplasma Gondii (Toxo test; IgM e IgG)

Tipo di campione
Siero

Valore di riferimento uomo
assente

Valore di riferimento donna
assente

Descrizione analisi
Il Toxoplasma è un protozoo intracellulare che ha come ospite definitivo il gatto e come ospiti intermedi organismi di diverse specie animali a sangue caldo fra cui l´ uomo. La malattia decorre in forma asintomatica, ma se è contratta durante la gravidanza può avere gravi conseguenze sul feto (aborto, corionretinite, calcificazioni endocraniche, idrocefalia, convulsioni). Le modalità di trasmissione sono generalmente l´ ingestione di acqua o di cibi contenenti ovocisti del gatto infetto o di carni crude o poco cotte contenenti le cisti. IgM: compaiono per prime e possono quindi essere considerate marcatore di un´ infezione recente; generalmente scompaiono dopo un anno, tuttavia per alcuni individui non si tratta di anticorpi sviluppati in seguito all´ infezione ma di anticorpi naturali. Falsi positivi in individui positivi per il Fattore reumatoide. La presenza di IgM è necessaria ma non sufficiente per poter sospettare un´ infezione recente da T. gondii. Per una diagnosi di certezza, quindi, è necessario l´ esame di un siero prelevato anteriormente (se disponibile) oppure prelevato dopo 3 settimane. IgG: compaiono più tardivamente; permangono per tutta la vita dell´ individuo, il loro titolo può aumentare in caso di reinfezione. Nei soggetti immunodepressi i risultati hanno valore puramente indicativo. In caso di negatività non si può escludere una toxoplasmosi cerebrale.

Informazioni per il paziente
La percentuale di trasmissione fetale aumenta dal 20% al 54% e al 64% nel 1°, 2° e 3° trimestre, rispettivamente; queste differenze sembrano dovute al diverso spessore della placenta nelle varie fasi della gravidanza.