Il mare è amico delle articolazioni (con qualche cautela)

Meglio la montagna del mare per alleviare i dolori articolari? La risposta generale – ove possibile – è perlopiù affermativa, in relazione soprattutto ai benefici di un clima più secco e mite. Tuttavia, è una considerazione che va accompagnata con diversi condizionali. Anzitutto, anche il mare può essere un ottimo alleato della salute articolare, se “usato” per bene e con qualche cautela. Soprattutto, l’universo delle malattie reumatiche costituisce ahinoi un ambito assai complesso e variegato, che include circa 150 patologie, rispetto alle quali gli “imperativi climatici” possono essere assai diversi.

 

L’esempio classico in proposito è quello che distingue l’artrosi e l’artrite, spesso confuse, anche linguisticamente, la cui sintomatologia risulta opposta in relazione proprio al “meteo”. La prima è una patologia legata soprattutto all’“usura” dell’articolazione, sicché sono le basse temperature, e non quelle alte, a essere fattore di rischio di aumento dei dolori articolari. La seconda è una patologia infiammatoria, la cui sofferenza può viceversa alimentarsi con l’afa.

 

In ambedue i casi, peraltro, l’umidità marina può recare qualche fastidio. Le virtù della spiaggia, tuttavia, possono superare le controindicazioni. Il sole stesso può risultare un toccasana (evitando però le scottature e le ore più calde), specie per chi soffre di osteoporosi, stimolando in particolare la produzione di vitamina D. Poi, ci sono i noti benefici delle sabbiature, ma anche l'apporto di sali minerali (quali cloruro di sodio, magnesio, iodio, potassio) che agevolano la respirazione, specie nelle coste rocciose. E a “respirare” non sono solo i polmoni, ma anche la pelle, “massaggiata” dall'acqua e dall'aria.

 

I benefici del mare, in sé, sono poi molteplici, dal contrasto alla ritenzione idrica e all'afa stessa, all'abbassamento della pressione sanguigna favorendo la circolazione, fino alla tonificazione dei muscoli e all'alleviamento dei grassi in eccesso, tutti fattori che tendono a limitare i dolori articolari. Dinanzi ai quali si aggiungono anche virtù “indirette”, ossia l'effetto salubre di qualche passeggiata nell'acqua bassa o di qualche nuotata, entrambe preziose per le articolazioni.

 

L'elenco dei benefici del mare è qui solo parziale, e va a corroborare il trattamento farmacologico locale di stati dolorosi dei muscoli e articolazioni (il diclofenac è uno dei principi attivi più diffusi, accessibile anche come farmaco da banco). E alla sintesi va aggiunta una considerazione generale. Il sollievo fornito da un rilassante soggiorno marino è di per sé un fattore di contrasto dei dolori articolari. Per i benefici fisiologici e biochimici, ma anche per l'apporto psicologico, “anti-depressivo”, esso stesso variabile di benessere complessivo, anche articolare.

 

FONTI


artriti.it

http://www.artriti.it/artrosi.html

repubblica.it/salute
http://www.repubblica.it/salute/prevenzione/2016/08/17/news/malattie_reumatiche_le_regole_d_oro_per_un_estate_in_salute-146133156

massimomorellidermatologo.it
https://www.massimomorellidermatologo.it/dermatologia-e-plastica/benefico-mare-781/

starbene.it
https://www.starbene.it/farmaci/diclofenac-dorom-gel-50g-1%25_033470016

pazienti.it
https://www.pazienti.it/news-di-salute/10-malattie-che-solo-il-mare-e-capace-di-curare-02072018